sabato 28 gennaio 2017

La recensione del giorno: "MEGLIO DI COME CREDI" di Matteo Salvatti

MEGLIO DI COME CREDI
DIZIONARIO PER NON PERDERE LA BUSSOLA
di Matteo Salvatti
Ancora Editrice, 2016, pag.232
Genere: dizionario

Dove comprarlo: Amazon 
                            La Feltrinelli

Per leggere questo simpatico libro ho seguito il consiglio dell'autore: ho cercato dall'indice il titolo che più mi incuriosiva e poi ho continuato allo stesso modo saltando capitoli e poi tornando indietro in base all'ispirazione del momento. E' un libro per tutti, giovani e adulti, è capace di ispirare, fare riflettere, mettere in discussione alcune innate convinzioni. Leggendolo avrete voglia di contattare l'autore e commentare con lui alcuni capitoli, provare a dire la vostra opinione o ancora stringergli la mano perché la pensate allo stesso modo. Non è un libro che fa la morale, anche se a tratti la morale può sembrare protagonista, non è un libro comico anche se vi strapperà più di una risata. In realtà è un'opera con un mix di ingredienti ben dosati che rendono la lettura molto piacevole, da godersi nei momenti di relax o da utilizzare in caso di bisogno quando si cerca una risposta, un suggerimento, una direzione.  Un libro originalissimo, molto curato nel linguaggio e nella stesura, consigliato anche come regalo per i lettori più esigenti.

venerdì 27 gennaio 2017

La recensione del giorno: "MEGLIO TARDI" di Davide Bergamin

MEGLIO TARDI
di Davide Bergamin
Centro Tipografico Livornese Editore, 2016, pag.52
Genere: poesia

Dove comprarlo: Amazon
                           Ibs
                           La Feltrinelli

Non è mai semplice recensire un libro di poesie, poiché i versi, come le canzoni, hanno il dono di risvegliare sentimenti differenti in lettori diversi, proprio per la loro natura intima e introspettiva. Davide Bergamin è un poeta forse da sempre, ma solo nell'ultimo anno si fa conoscere al pubblico per le sue splendide poesie e riceve alcuni riconoscimenti dagli esperti del settore. Probabilmente la bambina illustrata in copertina è la figlia dell'autore e dobbiamo a lei ldi 'ispirazione alcuni dei versi contenuti in questo libretto. Alcune poesie somigliano alle favole che una volta venivano cantate dai cantastorie, altre narrano di natura e di vita all'aria aperta, tutte, anche quelle apparentemente più malinconiche, possiedono una nota di speranza e positività. Consiglio la lettura a tutti e spero che molti genitori scelgano qualche poesia da fare leggere ai propri bambini.

venerdì 13 gennaio 2017

La recensione del giorno: "IMPERFETTI" di Matteo Tripepi

IMPERFETTI
di Matteo Tripepi
Edizioni Giovane Holden, 2016, pag.355
Genere: romanzo

Dove comprarlo: Amazon
                           Ibs
                           La Feltrinelli

Un noir decisamente diverso da quelli a cui siamo abituati; il nostro autore ci stupisce ad ogni pagina e ci regala una triplice lettura in un solo libro. Una poesia separa coppie di capitoli rendendo la lettura affascinante e malinconica e due diverse storie si dipanano lungo le pagine, apparentemente senza incrociarsi mai. Da un lato il commissario Hoffman, il quale con piglio deciso deve gestire la squadra investigativa designata ad indagare su un duplice efferato omicidio, dall'altro il giovane Jeff, improvvisamente colpito da amnesia, che cerca di riprendere la sua vita come nulla fosse, dedicandosi alla musica e agli amici, fra i quali spicca lo stravagante Professor Horn. La crudezza della storia è addolcita dai versi e il lettore avrà l'impressione di risolvere il mistero dopo sole poche pagine. In realtà la soluzione è meno vicina di quello che sembra e il libro vi lascerà piacevolmente inchiodati alla lettura fino alla fine. La storia è intrigante come un thriller ben scritto e le numerose poesie che arricchiscono la storia rendono questo libro qualcosa di davvero sofisticato, per lettori difficili da accontentare. Dettagliata la descrizione delle personalità impegnate nella narrazione e degli ambienti, ci lascia immaginare un futuro sul grande schermo.


mercoledì 4 gennaio 2017

Presentazione opera BELLO E MALEDETTO, di Daniele Sbaraglia

Presentazione opera
BELLO E MALEDETTO
di Daniele Sbaraglia

Genere: Narrativa - Romanzo

Dove comprarlo: Amazon
                              Ibs
                              La Feltrinelli

Perchè comprarlo:
Il romanzo andrebbe letto perché, è una storia di vita quotidiana che almeno in alcune parti rappresenta la vita di ogni uno di noi. Il romanzo mette in luce le  innumerevoli difficoltà che si incontrano nella vita, parla di amori impossibili, per le donne, la vita, per la libertà.

Trama:

E’ la storia della vita di Shon, un ragazzo presto chiamato a diventare uomo, con  un’adolescenza difficile, segnata dalla separazione  dei genitorie da un rapporto conflittuale con la madre.

Incapace di imbrigliarsi in rapporti duraturi, dopo qualche avventura intensa,vissuta a Roma, sua città natale, l’incontro con Simona sembra fargli conoscere finalmente l’amore. Questo lo porterà a laurearsi in medicina, a specializzarsi in neurologia e neurochirurgia e a diventare padre.

Controversa è la figura del dottor Spicchi, nuovo compagno della madre, che lo aiuterà nel suo percorso di specializzazione e successivamente nella sua carriera di neurochirurgo.E’ proprio in sala operatoria che Shon conosce e comincia a frequentare Alice, una donna in gamba indipendente e votata alla carriera. Inevitabilmente, ciò comporterà la crisi con Simona e un nuovo capitolo con il rapporto più “aperto” con Alice.

Sensibile e riflessivo, nel frattempo Shon conosce la morte in sala operatoria e il dramma che questo comporta per i parenti dei pazienti che non ce la fanno. Questo non gli impedisce però di proseguire con successo nella sua carriera e di girare il mondo con Alice per convegni di medicina. Costantemente alla ricerca di nuove esperienze, proprio durante uno di questi convegni a Miami, Alice e Shon conosceranno anche “l’amore circolare” con un’altra coppia conosciuta in loco.

Dopo dieci anni di carriera da neurochirurgo, Shon diventa un ricco uomo di successo ma ciò intralcia il rapporto con Alice aumentando la distanza fra i due.

L’incontro con Susan, una prostituta “in servizio” sulla strada che Shon percorre ogni giorno, aprirà tutto un nuovo capitolo. Shon la riscatterà e fuggirà in Francia con lei presso Francesco, un suo amico che ha lasciato l’Italia in cerca di lavoro. Ma il passato di Susan li seguirà fino al tragico epilogo della loro intensa storia d’amore.Rimasto nuovamente solo, Shon, attraverserà un periodo difficile arrivando ai margini del suicidio.

La sua forza d’animo, la voglia di “non mollare mai” ed il suo “amico mare” lo aiuteranno a riprendersi, deciderà infatti di trasferirsi ai Caraibi in cerca di un nuovo inizio. Qui conoscerà il vecchio Misan che lo porterà a fare un'esperienza al limite del “normale” su un’isola deserta. Misan lo aiuterà nel suo percorso di recupero e crescita e gli insegnerà a guardare la vita “con i suoi veri occhi”.

La voglia di ricominciare lo porterà a tornare a Roma e ad aprire un ristorante dal nome evocativo dove, un giorno, scoprirà di avere anche una figlia, Axia, nata da una relazione occasionale con  Eleina una delle tante stagiste.Questa rivelazione  spingerà Shon a riflettere sulla sua vita e, forgiato nell’animo dall’esperienza di Misan, cercherà di porre rimedio al suo passato facendo qualcosa per il prossimo, ed in particolare per i bambini abbandonati.

Sarà però il ricongiungimento con il figlio Luca, ormai sposato con figli, a risvegliare in Shon la sua voglia di libertà e indipendenza. La visione di lui come nonno che vive a casa con il figlio è troppo per lui, incapace di mantenere radici. Shon non resisterà e fuggirà di nuovo verso il mare…