sabato 9 luglio 2016

Presentazione opera LA SACERDOTESSA E IL GUERRIERO, di Olga De Blasio

Presentazione opera
LA SACERDOTESSA E IL GUERRIERO
di Olga De Blasio

Genere: Fantasy

Dove comprarlo: Amazon
                             Ibs
                             La Feltrinelli

Perchè comprarlo:
Perchè i personaggi sono vivi, sono reali, la forza delle loro passioni li porta fuori dalle pagine del libro. 
Perchè spero che anche voi, come me, riusciate a vedere il palazzo che si affaccia sul mare o le sacerdotesse in processione con una candela tra le mani, spero che riusciate a sentire lo scalpiccio dei cavalli quando la cavalleria si lancia alla carica o che riusciate a sorridere in risposta al sorriso di qualche personaggio.
Perché, in fondo, è una bella storia.

Trama:
Edra è un regno sofisticato e prospero, nonostante la pesante sconfitta riportata dieci anni prima contro gli Xeni.
Elyan, destinata fin da piccola a servire gli dei come sacerdotessa, è rassegnata a trascorrere la sua vita nel santuario segreto di Astell. Ma quando un giovane dagli occhi di ghiaccio fa irruzione nel tempio per rubare la Lacrima della Dea, la fanciulla, legata all’oggetto sacro dal suo giuramento di Guardiana, è costretta a seguirlo lontano da Astell, proprio alla corte di Edra.
Il guerriero che l’ha rapita infatti non è altri che Mordred, figlio del Grande Generale ucciso dagli Xeni, capitano dell’esercito di Liven, spadaccino abilissimo e letale, prediletto del principe maggiore Aslan.
Tuttavia, la sua spada e la sua lealtà vanno a Pierre, il giovane Duca di Liven.
Affascinante e intelligente, Pierre si muove con eleganza sullo scacchiere della vita di corte, compiendo una dopo l’altra tutte le mosse necessarie per portare avanti il suo piano e sedere un giorno sul trono di Edra.
Ma non aveva tenuto in conto Elyan.
Risorsa o minaccia, la sacerdotessa si ritrova invischiata in intrighi politici, giochi di potere, corteggiamenti e problemi di successione al trono, mentre si allunga su Edra l’ombra di una nuova minaccia degli Xeni.


Nessun commento:

Posta un commento