sabato 23 luglio 2016

Presentazione opera JELEL, di Miriam Macchioni

Presentazione opera
JELEL
di Miriam Macchioni

Genere: Autobiografico/motivazionale

Dove comprarlo: Amazon 
                             Ibs
                             La Feltrinelli

Perchè comprarlo:
Ricco di spunti ed esercizi per il nostro percorso evolutivo e spirituale

Trama:


Ho scoperto che a ogni data di nascita è associato un Angelo. Il nome del mio è Jelel. Me l’ha indicato un’amica che mi aiutava con i fiori di Bach. Così mi sono informata e ho scoperto che è l’Angelo custode delle persone nate tra il 26 e il 30 marzo. Quest’Angelo rappresenta e concede il potere di concretizzazione e di solidificazione di qualunque realtà. Accorda la solidità, la tranquillità, la fecondità, la fedeltà del coniuge, l'obbedienza dei figli. Fa vincere i processi e annulla qualunque litigio, disputa o divorzio. Assicura il successo in attività edilizie, immobiliari, produzioni di cemento, tessili, agricole. Aiuta anche a far carriera nella polizia, nell'amministrazione locale, nella diplomazia. Pur sapendo di avere un Angelo, i miei pensieri e le mie richieste di aiuto vanno sempre ai miei cari (mio papà, mia nonna, mio zio), che da qualche tempo non vedo più, ma che sento di continuo. Mio padre, infaticabile e uomo onesto ha sempre messo in primo piano attività e famiglia. Ci ha insegnato il valore dello studio, del lavoro, ma soprattutto il significato di libertà. Mia nonna, una pazzerella, piena di vita, mi ha in pratica cresciuto nell’amore, nella preghiera e nel ringraziamento. Incline al divertimento e sempre allegra, mi ha fatto passare momenti indimenticabili e le sono grata per tutto quello che mi ha insegnato. Mio zio, cognato di mia nonna, uomo stimato, di notevole intelligenza, sportivo, amante della montagna, e un eterno Peter Pan, ha sempre fatto divertire i piccoli e ha sempre aiutato i grandi nelle commissioni più antipatiche: pratiche Inail, Inps, compilazione modelli per il pagamento delle tasse e via dicendo. Non ha mai declinato, sempre pronto. Queste sono le persone che mi hanno aiutato, mi aiutano ancora adesso e lo faranno anche in futuro. Comunque sono felice di avere quest’Angioletto e ogni tanto mi rivolgo anche a lui e lo ringrazio per tutto quello che ho. Gli dedico così il titolo del libro: JELEL.

 



Nessun commento:

Posta un commento