lunedì 9 novembre 2015

La recensione del giorno: "Tralci della stessa vite" di Gloria Pigino Verdi

TRALCI DELLA STESSA VITE
di Gloria Pigino Verdi
Editore Youcanprint, 2015, pag.130
Genere: romanzo

Compralo qui

Il primo romanzo di questa autrice, che sogna di iniziare una trilogia, è l’esempio di come la scrittura, o la lettura, possano essere un antidoto alla tristezza o al dolore, quando la vita decide di metterci alla prova. Auguriamo alla nostra autrice che il suo primo libro venga accolto con lo stesso entusiasmo con cui è stato scritto. Matilde, la protagonista ventitreenne, decide di tornare in Piemonte dopo un’esperienza all’estero e ritrova il suo primo e indimenticato amore, Edoardo. Tutto sembra riprendere con nuovo e rinnovato vigore tra i due protagonisti che vivono la loro storia nel paesaggio inimitabile delle Langhe, con il profumo delle marmellate e crostate della nonna di Matilde, la sua più grande confidente. Sarà proprio la nonna a segnare in qualche modo il destino di questi giovani, le cui vite saranno sempre legate come tralci di una vite ma inevitabilmente destinate a non vivere mai insieme. E’ una storia appassionata e struggente, dove le insicurezze di Matilde vengono in qualche modo curate dall’amore di Edoardo e da questa terra piemontese così gentile, ma che ci lascia con l’aspettativa di sapere cosa avverrà in futuro, in attesa che l’autrice decida il destino dei nostri protagonisti.



Nessun commento:

Posta un commento