mercoledì 25 novembre 2015

La recensione del giorno: "Prima o poi" di Michael Perth

PRIMA O POI
di Michael Perth
Montechino Editore, 2015, pag.300
Genere: narrativa italiana

Un proverbio cinese recita: “Chi torna da un viaggio non è mai la stessa persona che è partita” e certamente calza a pennello ai protagonisti di questo libro, dieci personaggi, che non si conoscono, partono alla volta della Versilia, turisti come chiunque altro, ma inconsapevoli di essere alla ricerca di un senso da dare alla propria vita, forse una svolta, come accade a Valentina e Alessandro, due di loro.

Un libro da leggere in spiaggia per fantasticare sul vicino di ombrellone, o comodamente davanti al caminetto, per trascorrere ore serene. Il merito di questo libro è di metterci di fronte ai nostri errori, le nostre paure, le incoerenze e le indecisioni, in maniera delicata, senza clamore o tragedie, di cui è piena la vita odierna e di cui non abbiamo ulteriore bisogno.
L’autore invece ci porge la sua mano, con le fattezze del buffo angelo Aramis e si vuole prendere cura delle anime in attesa di vivere, anime come noi, che possiamo immedesimarci in uno dei protagonisti e scoprire come è semplice decidere di prendere in carico la propria vita e il proprio destino, senza lasciare che la vita faccia da sé. Un libro che vuole essere di insegnamento, che ci lascia un sorriso, un messaggio di speranza e un gran desiderio del mare toscano.





Nessun commento:

Posta un commento