martedì 17 novembre 2015

La recensione del giorno: "Al di là del baratro" di Giuseppe Pellegrino

AL DI LA' DEL BARATRO
di Giuseppe Pellegrino
Runa Editrice, 2015, pag.327
Genere: romanzo

Il terzo romanzo di una trilogia per questo autore, “che basa sull’evento casuale la mutazione radicale della propria esistenza”. Eugenio è un marito innamorato e padre di due figlie, un uomo come tanti che si trova improvvisamente a vivere otto lunghi mesi di disoccupazione, durante i quali tutte le certezze crollano e la disperazione bussa alla sua porta. Quando tutto sembra risolversi per il meglio, il ritorno al lavoro si rivela un incubo peggiore del precedente. Qualcosa di oscuro manovra i fili dell’azienda per cui lavora e la vita delle persone che ne fanno parte e quando Eugenio eredita a sorpresa questa azienda, sente tutto il peso e la responsabilità di risollevarne le sorti, salvare ciò in cui crede appassionatamente contrastando la corruzione, le contraddizioni si chi falsamente di definisce a favore dell’azienda e gli interessi personali che si celano dietro le quinte. Un romanzo attualissimo, a sfondo sociale, che narra la difficoltà di trovare e mantenere un lavoro, prima, e poi il desiderio di fare del proprio lavoro una missione, la realizzazione della vita stessa, di un sogno, anche quando la realtà e le trame nascoste fanno di tutto per impedire di saltare al di là del baratro.

Nessun commento:

Posta un commento