lunedì 26 ottobre 2015

Rubrica "A tu per tu con l'autore": intervista a Rossana Lozzio

Per la rubrica “A tu per tu con l’autore”, oggi vi proponiamo l'intervista alla scrittrice Rossana Lozzio, il cui ultimo romanzo Interno 16", è in questi giorni nelle librerie.



Rossana Lozzio e' nata e vive a Verbania.

Ha pubblicato nove romanzi ed è presente in tre antologie di racconti brevi.

Gestisce la rubrica “Parliamo d’Amore” per il Blog “Il Libro”, collabora con il Blog di “Fare Musica e Dintorni”, cura la FanPage Facebook di Teo Teocoli ed è Presidente dell’Associazione Culturale “L’albero delle fate”.


 

Rossana Lozzio, benvenuta. Vuoi, come prima cosa, presentarti al nostro pubblico?

Grazie per l'ospitalità! Sono un'appassionata scrittrice, amo raccontare storie che come filo conduttore abbiano i sentimenti, nei quali continuo a credere nonostante la vita insegni che siano quanto di più complicato possa esistere. Amo la vita, con tutte le sue difficoltà, i cani, il mare, le passeggiate, la musica, navigare nella rete internet e sono aperta a tutto ciò che di nuovo arriva, perché credo che si sia su questa Terra soprattutto per sperimentare e possibilmente, per imparare e per tentare di migliorare!

Cos’ è per te la scrittura?

La scrittura, per me, è innanzi tutto, passione e poi, voglia di comunicare.
Cosa ti ha spinto a scrivere questo romanzo?
"Interno 16" è nato con il preciso scopo di rendere omaggio al cantautore Pino Mango, perché ho scritto la maggior parte dei miei romanzi con la sua voce e la sua musica in sottofondo. E' stato e per sempre rimarrà IL MIO REGALO per lui.
 Perché chi non ti conosce dovrebbe leggere il tuo romanzo?
Perché credo fortemente che si dovrebbe concedere maggiore attenzione a chi, come me, non ha possibilità di promuoversi attraverso i canali televisivi e che non ha certamente la popolarità di chi ha una faccia conosciuta e riconoscibile... e magari, come auspico, per emozionarsi.
Dovendo riassumere in poche righe il senso del libro “Interno 16” cosa diresti?
Che la vita è fatta di enormi difficoltà ma che, avendo la fortuna di incontrare belle persone e trovando la forza necessaria in noi, sono tutte risolvibili.
 Quali sono gli ingredienti perfetti per un buon romanzo?
Non ci sono ingredienti perfetti, almeno, secondo me. Penso che sia giusto metterci tutto ciò che consideriamo idoneo per la storia che scriviamo e poi, augurarci di incontrare il gusto di chi la leggerà.
Secondo te, quali sono i requisiti fondamentali per un giovane che vuole fare lo scrittore?
Credere in se stessi e nelle proprie opere ma rimanere umili (per sempre) e poi, non stancarsi mai di lavorare per migliorarsi e avere molta, moltissima pazienza.
C’è qualche consiglio che potresti dare a tutti quelli che vorrebbero inviare un loro manoscritto alle case editrici?
Sì, di fare molta ricerca, prima di inviarlo e di aspettare l'occasione migliore, perché credo che la fretta non sia mai la scelta giusta.
Per finire, hai attualmente altri progetti nel cassetto, libri da pubblicare, storie da raccontare, cose da dire? 
Progetti nel cassetto, sempre, per continuare a vivere. Sono presidente dell'Associazione Culturale "L'albero delle fate" e stiamo cercando di lavorare a iniziative che possano portare arte e cultura a più persone possibile. In questo momento, stiamo lavorando all'evento "Ricordando Pino Mango". Il prossimo 04 dicembre, a Milano, presenteremo il mio romanzo dedicato a lui, a pochi giorni dal primo anniversario della sua scomparsa, ricordandolo anche con alcuni brani del suo repertorio che hanno arrangiato apposta per la serata, Dani e Dani duo musicale, due bravissimi artisti che mi accompagneranno durante la serata. Inoltre, sto terminando di lavorare al prossimo romanzo che dovrebbe vedere la luce entro la fine di quest'anno e che si intitola "Dentro l'obiettivo - Folle d'amore". Un altro esperimento... una storia in cui ho provato a mettere sfumature differenti dal rosa a cui sono abituata e a cui ho abituato i miei lettori, condendola con delle note nere e gialle, augurandomi di averlo fatto mantenendo il mio stile.
Colgo l'occasione per ringraziare pubblicamente Alessandra Monaco e Alma Leonardi che collaborano attivamente con me nei progetti che mi stanno a cuore e che mi sostengono, nelle difficoltà e nelle gioie, prima e durante gli stessi.


2 commenti: