giovedì 22 ottobre 2015

Finché le stelle saranno in cielo, di Kristin Harmel

FINCHE' LE STELLE SARANNO IN CIELO
di Kristin Harmel
Editore Garzanti, 2012, pag.363
Genere: narrativa straniera

Lo definirei un romanzo intimo, riflessivo. In questo romanzo c’è tutto, la storia di una famiglia, con i suoi segreti, le ricette di cucina che si tramandano per generazioni, ci sono i conflitti adolescenziali e le delusioni d’amore e in fondo, lontano ma indimenticabile, l’Olocausto. Hope è una giovane donna dei nostri giorni alle prese con un matrimonio finito e una figlia in ribellione perenne, ha problemi economici e una pasticceria da portare avanti. Fortunatamente Hope ha una nonna speciale, Rose che dopo tanti anni confida alla nipote di essere ebrea e non cattolica come aveva fatto credere e le chiede di mettersi alla ricerca delle sue origini e dei suoi ricordi, proprio negli ultimi attimi della sua vita, quando la malattia le sta rubando gli ultimi ricordi di una giovinezza piena di amore, nonostante la guerra. Hope parte per Parigi e scopre le sue vere radici, che “le persone che ami possono salvarti e che il destino potrebbe avere per tutti un piano più vasto di quanto riusciamo a capire”. Un viaggio per ritrovare se stessa, il legame con sua figlia e per riportare alla nonna il suo grande amore, prima che sia troppo tardi.






Nessun commento:

Posta un commento