lunedì 19 ottobre 2015

Central Park, di Guillaume Musso

CENTRAL PARK
di Guillaume Musso
Editore Bompiani, 2015, pag. 304
Genere: giallo

Se deciderete di leggere questo thriller sappiate che non potrete iniziare e interrompere dopo un’ora. Va letto tutto d’un fiato, impossibile lasciarlo riposare sul comodino. Musso è in gran forma e ci regala il meglio della sua fantasia di scrittore. Alice è una giovane poliziotta parigina e Gabriel un pianista jazz americano. I nostri protagonisti si ritrovano ammanettati su una panchina di Central Park, non ricordano nulla del loro incontro newyorkese. L’unica certezza è che la sera prima erano ad una festa parigina lei e ad un concerto a Dublino lui. Adesso si trovano, loro malgrado, a cercare insieme cosa li ha portati su quella panchina, di chi è il sangue che macchia la maglia di Alice e la pistola che costituisce il suo unico effetto personale. Sarà una ricerca della verità su una strada disseminata dai fantasmi e dalle paure di entrambi, ma scoprono che “qualunque cosa possa capitare, sarà valsa la pena di vivere tutti quei momenti che hai strappato alla fatalità”.

Nessun commento:

Posta un commento